Come sarà la Chiesa nel XXI secolo?



Niente al mondo è misterioso come la Chiesa. Nata dal costato sacro di Nostro Signore Gesù Cristo (cfr. CCC 766), costituisce uno straordinario e bellissimo mistero della grazia, elevato ben al di sopra dell’universo materiale. Pur essendo composta da uomini, e avendo come obiettivo – oltre alla gloria di Dio – la loro salvezza (cfr. CCC 824), la Chiesa ha tuttavia un’origine, un’essenza e una vita tutta divina (cfr. CCC 813), per il fatto di essere il Corpo Mistico di Cristo.


Vivendo in mezzo alle lotte e alle difficoltà degli uomini, non si lascia mai macchiare dalle loro azioni. Questa è la ragione per cui, attraversando periodi di crisi terribili che potrebbero in apparenza sfigurarla per sempre, la Sposa di Cristo risorge ringiovanita, adornata con nuovi titoli di gloria. Da ogni piaga brilla un gioiello.


In questo si verifica una regola della Storia e dell’agire di Dio: dopo un misterioso rinnovamento, per il cui processo la Chiesa trova in se stessa tutta la vitalità necessaria, la sua perfezione si vede fortificata e arricchita proprio in quei punti in cui più si è cercato di disonorarla.


Le Scritture ci mostrano quante difficoltà ci sono state nella religione ebraica, prefigurazione della Chiesa, per mantenere la fedeltà del popolo nell’adorazione dell’unico vero Dio. Dopo l’Incarnazione, questa lotta è stata superata con la fondazione stessa della Chiesa che, a sua volta, ha dovuto affrontare varie eresie nel corso dei secoli. Nel frattempo, dalla lotta contro ognuna di esse, la Sposa di Cristo ne è uscita ancora più irrobustita nella sua fede e affinata nella sua dottrina.


Quale sarà dunque la fisionomia della Chiesa nel XXI secolo? Solo il futuro lo dirà, ma possiamo già dedurre dalle sue attuali tribolazioni gli aspetti che di lei risplenderanno di più dopo il suo riemergere. Cosa la fa soffrire di più oggi? L’indifferenza dei suoi figli? Allora, sarà contrassegnata dalla fedeltà. L’indegnità di alcuni ministri? Essa risplenderà dunque per l’integrità. L’ingratitudine dell’umanità? Sarà pertanto onorata da tutte le nazioni. La furia dei suoi nemici? Dunque, arriverà un periodo di vittoria come lei non ha mai conosciuto. Le nuvole si apriranno e su di essa risplenderà il Sole di Giustizia, rivelandola come vincitrice, pronta per nuovi trionfi (cfr. Ap 6, 2).


Lei sarà la perfetta Sposa, la nuova Gerusalemme, ornata per lo Sposo (cfr. Ap 21, 2), “tutta gloriosa, senza macchia né ruga o alcunché di simile, ma santa e immacolata” (Ef 5, 27). Lei sarà tutta “rivestita della gloria di Dio” (Ap 21, 11), e le sue eccellenze soprannaturali potranno essere paragonate alle pietre preziose e all’oro puro (cfr. Ap 21,18.19). I suoi ministri saranno veramente sale della terra e luce del mondo (cfr. Mt 5,13.14) e “le nazioni cammineranno nella sua luce” (Ap 21,18.19).


Insomma, qualunque cosa accada, la Chiesa ha la promessa divina che le porte dell’inferno non prevarranno contro di essa (cfr. Mt 16, 18)!


Fonte: Rivista Araldi del Vangelo - Settembre 2019

  • Facebook Clean
  • YouTube - Círculo Branco
  • Instagram - White Circle

Copyright © Araldi del Vangelo 2020 tutti i diritti riservati. 

+39 06 3903 0517

Si autorizza la divulgazione citando la fonte. 

cruzsemfundo.png
  • Facebook - Grey Circle
  • YouTube - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle